Condividi
Anteprima
La newsletter per i CTO e per chi ha bisogno di un CTO.
Quante volte hai sentito parlare di formazione continua?

Sì, le aziende devono allocare tempo alla formazione dei propri dipendenti, devono permettere loro di esplorare nuove tecnologie e allenare anche le soft skills.

Tutto sacrosanto.

E vi dirò che è una lezione che molte aziende (parlo esclusivamente del mondo Tech) hanno ormai recepito. Tanto che nel poll settimanale della community abbiamo scoperto che molti CTO e molti membri del loro team fanno ben più di 4 ore di formazione settimanale!

È più raro, però, che si guardi all'altro lato della medaglia.

Quale responsabilità ha il singolo lavoratore sulla propria formazione?

Quanto è lecito e legittimo insistere nella formazione di un membro del team che non vuole mettersi in gioco o non vuole aumentare le proprie competenze?

I motivi di questa "non partecipazione" possono di solito ricondursi a 3 cause, molto diverse fra loro eppure sovrapponibili (non te le svelo qui, dovrai andare a riascoltarti il CTO Lunch #004, che trovi da domani nel CTO Podcast😉 ).

Eppure c'è un aspetto in più da considerare.

Nel nostro caso, stiamo parlando di knowledge workers: la formazione di un lavoratore della conoscenza non è un accumularsi di competenze tecniche funzionali allo svolgimento di un task o dell'altro. La formazione di un lavoratore della conoscenza deve avere lo scopo di creare un mindset: creare la stessa capacità di apprendere, di creare collegamenti e di trovare nuove soluzioni.

Certo, l'azienda deve facilitarne le condizioni. Deve fornire gli strumenti, può creare un ambiente che agevola l'apprendimento.

Ma l'azienda non può entrare nella testa del lavoratore.

Il mindset del knowledge worker si nutre di formazione, ma è sua unica responsabilità.

A noi, invece, il compito arduo di riconoscere questo mindset nei talenti che assumiamo.

Per approfondire, trovi le opinioni dei CTO della community:
  • nel CTO Podcast 036: Metodi Alternativi di Formazione | 🍔💻 CTO Lunch #004 (disponibile da domani nel CTO Podcast)
  • nel CTO Show #011 con Filippo Matteo Riggio, che ci ha raccontato la sua esperienza in UK e come ha riportato nella sua azienda Kaleidoscope concetti come quello di flat organization e side projects alla Google. (Lo trovi anche in versione CTO Podcast).

Se ti va, clicca rispondi e raccontaci anche la tua esperienza!

Lunga vita e prosperità!

Alex
TEAM MOTIVATO CON I SIDE PROJECTS
& FLAT ORGANIZATION ALL'INGLESE
Cosa deve imparare un CTO italiano dalla lezione anglosassone? Nel CTO Show #011 ne ho parlato con Filippo Matteo Riggio, che ha scelto di vivere a Londra e poi riportare nella sua azienda in Italia concetti come quello di organizzazione orizzontale o i Side Projects alla Google.


CLICCA QUI PER VEDERE: TEAM MOTIVATO CON I SIDE PROJECTS & FLAT ORGANIZATION ALL'INGLESE - CTO SHOW #011
IL SONDAGGIO DELLA SETTIMANA:
QUANTE ORE DEDICHI ALLA FORMAZIONE? E QUANTE IL TUO TEAM?
Se ancora non hai risposto al sondaggio, clicca qui per rispondere (devi essere iscritto alla community CTO Mastermind, solo per CTO e imprenditori tecnologici).

L'OPINIONE DI SCILLA CASARI BARIANI SU AXELERANT (GUARDA IL VIDEO!)
"Sono founder di una start up innovativa digitale. Non so sviluppare e non sono una figura tecnica, per questo ho cercato per il mio progetto un CTO in outsourcing e ho trovato Alex Pagnoni di Axelerant!
Ho trovato molti più servizi di quanto immaginassi: Alex mi ha indirizzato anche in un percorso di formazione e insieme abbiato trovato il modo di dare applicazione tecnologica alle mie idee di business. Alex mi ha aiutato notevolmente anche nella redazione di un bilancio previsionale dei costi di sviluppo tecnologico per il mio progetto.
Che tu abbia un'azienda o una start up, ti consiglio davvero di provare questo servizio!"

➡️ Guarda tutta la Video Testimonianza di Scilla Casari Bariani

Scilla Casari Bariani
Founder
TALKS: SINDROME DELL'IMPOSTORE - MANUEL TREBBI, INNOTEAM
Sindrome dell'impostore, fiducia in se stessi e motivazione
PHPday PUG Edition
Giovedì 18 marzo 2021 | ore 11.30

Manuel Trebbi è Senior Frontend Developer e facilitatore di processi presso Innoteam per i brand KloudOps, Team Scaling e Axelerant.

Appassionato di computer fin dalla prima elementare, inizia il percorso da sviluppatore a 18 anni. Nel 2017 perde un piede in un incidente e la sua vit
a è ripartita da lì. Ha trovato la forza di alzarsi e di sfidare sè stesso, raggiungendo i podi nazionali nell’atletica paralitica. Dal 2018 è anche responsabile regionale nelle Marche della Youable onlus, aiuta le persone con ridotte capacità motorie ad avere gli ausili per fare sport e per la vita quotidiana.

Al PHPday PUG Romagna Manuel parlerà di Sindrome dell'Impostore: clicca qui per iscriverti!
HOT THREAD DAL CTO MASTERMIND
Se non sei iscritto alla Community non puoi visualizzare questi post.
Clicca qui per entrare! NB. Solo per CTO e Imprenditori Tecnologici.
ALTRI CONTENUTI NEI NOSTRI CANALI
CONTENUTI DI VALORE DAL WEB
PROSSIMI EVENTI
You Ask, We Answer - Inviami una domanda (rispondendo a questa email o taggandomi nei social con l'hashtag #AskAlex) e ti risponderò con un video dedicato nella rubrica AskAlex.
Alex Pagnoni
CEO Innoteam / Fractional CTO



Email Marketing by ActiveCampaign